angelo capelli
Regione Lombardia
Lombardia Popolare
“SìTOUR”: SETTIMANA DI CHIUSURA CAPELLI AD AZZANO, CREMONA, ALME’, SERIATE, BERGAMO (E TREVIGLIO).
29 Novembre 2016

“SìTOUR”: SETTIMANA DI CHIUSURA CAPELLI AD AZZANO, CREMONA, ALME’, SERIATE, BERGAMO (E TREVIGLIO).

RIFLESSIONI  CONCLUSIVE

Carissimo,

questa settimana per il “SìTour” sono a Azzano (lunedì 28, h 20.30), Cremona Telecolor (martedì 29, h 20), Almè (mercoledì 30, h 20.45), Seriate (giovedì 1, h 20.30), Bergamo serata conclusiva con Lupi e Gori (venerdì 2, h 20.45). Trovi gli aggiornamenti sulla mia pagina facebook (https://www.facebook.com/angelo.capelli.370). Inoltre sarò a Treviglio per la tradizionale cena natalizia di amicizia con Basilio (sabato 3, h 20).

Durante il mio tour ho raccolto molti spunti interessanti. Te ne propongo due.

Il primo è politico e riguarda le forze che hanno lavorato al testo della Riforma e su tutte Forza Italia che, con la rottura del Patto del Nazareno -per la mancata elezione del Presidente della Repubblica di suo gradimento-, si è rimangiata il lavoro fatto. Ora comprendo che Fi dica No per la violazione di un accordo politico ma non capisco come possa rinnegare i contenuti che lei stessa ha elaborato e scritto.

A controprova leggi le dichiarazioni di voto della seduta del Senato (8 agosto 2014, n. 303 della XVII legislatura) durante la quale la Riforma è stata approvata in prima lettura. Troverai degli interventi sorprendenti. Come quello di Paolo Romani che ti propongo: Finalmente anche in Italia, in un clima di legittimazione reciproca, che fu propria anche di quell’Assemblea costituente che elaborò la Costituzione che oggi andiamo ad aggiornare, è possibile lavorare sulle riforme assieme e in maniera condivisa, senza vincoli di schieramento… Abbiamo finalmente superato il bicameralismo, delineando un assetto parlamentare e un procedimento legislativo più snello, con una netta distinzione di ruoli e funzioni fra le due Camere. Il Senato risponderà a quel ruolo di rappresentanza delle istituzioni e delle autonomie locali, di radicamento del Parlamento nazionale sul territorio italiano. La Camera dei deputati potrà essere più rapida ed efficiente nel legiferare in un mondo sempre in evoluzione e sempre più veloce. Abbiamo finalmente corretto le storture di un Titolo V pasticciato… Abbiamo redistribuito in maniera chiara e distinta, senza più sovrapposizioni e aree grigie, le funzioni attribuite fra Stato e RegioniOggi il Senato dimostra di non essere una casta arroccata a difesa dei propri interessi, ma un corpo di legislatori all’altezza del privilegio di rappresentare la nostra Nazione… Stiamo indicando una strada attraverso cui riusciremo davvero a rendere la democrazia italiana più matura, più efficiente, più europea. Noi di Forza Italia ci saremo…”. Il patto del Nazareno era saldo e la Riforma che andiamo a votare venne approvata quel giorno con 183 voti a favore, nessuno contrario e 4 astenuti. Lega (fatta eccezione per Calderoli che intervenne per difendere il suo apporto) e Gal lasciarono l’Aula per non votare (vedi Il Foglio, 24 ottobre 2016).

Il secondo spunto interessante è di tipo “tecnico”. Chi sostiene il No dice che la Riforma è centralista, per via della clausola cosiddetta di supremazia, nonché succube dei “poteri forti" perché introduce l'obbligo di recepimento della normativa europea e dei trattati internazionali. Sei sicuro che oggi è diverso? Ti invito a leggete il secondo comma dell'art. 120 del testo costituzionale in vigore, introdotto con la riforma del Titolo V del 2001. È molto breve ma preferisco lasciare a te il gusto della scoperta, perché è molto istruttivo.

Angelo Capelli

#insiemeSIcambia

 

 

DUE RIFLESSIONI SULLE 'RAGIONI DEL NO'
21 Novembre 2016

“SìTOUR”: QUESTA SETTIMANA CAPELLI A PISOGNE, RHO, MARTINENGO, PONTE SAN PIETRO, CRESPI E VAL BREMBILLA.

 DUE RIFLESSIONI SULLE “RAGIONI DEL NO”

 

Carissimo,

questa settimana per il “SìTour” sarò a Pisogne (lunedì 21, h 20.45), Rho (martedì 22, h 21), Martinengo (mercoledì 23, h 20.30), Ponte San Pietro (giovedì 24, h 19), Crespi (giovedì 24, h 21), Val Brembilla (venerdì 25, h 20.30). Trovi gli aggiornamenti sulla mia pagina facebook (https://www.facebook.com/angelo.capelli.370).

Siamo giunti (finalmente dirai) a due settimane dal voto referendario e voglio condividere con te le riflessioni che ho maturato.

1) Uno degli argomenti più suggestivi che i sostenitori del No utilizzano è la critica all’eccessiva articolazione del nuovo art. 70 rispetto al vecchio, che era di due righe. L'articolo è quello che disciplina, cancellandolo, il cosiddetto Bicameralismo paritario o perfetto, ossia le due Camere parlamentari che svolgono le stesse funzioni legislative. Puoi facilmente capire che se devo dire che due soggetti fanno la medesima attività sarò sintetico. Ma se, come la Riforma cerca di fare, devo distinguere ruoli e funzioni, attribuendo poteri diversi e complessi a ciascuna delle nuove Camere, cercherò di essere il più preciso possibile, utilizzando un art. più lungo e complesso. Come è l’art.70 appunto.

2) Il cambiamento che produrrà il “Sì” viene recepito come concentrato  soprattutto su questo duplice messaggio: razionalizzare i costi e la dialettica istituzionale (taglio dei Parlamentari e modifica delle funzioni delle due Aule del Parlamento). Ora, sia rispetto alla razionalizzazione istituzionale che a quella dei costi, anche se si poteva fare certamente di più, il Sì qualcosa già taglia. Se vince il No non cambia nulla. Tutto resta così. Allora ti chiedo: se noi Popolo, oggi bocciamo una proposta che prevede il taglio dei costi (poco, ma piuttosto che "niente" è meglio il "piuttosto") e la riduzione cospicua del numero dei Parlamentari, quante possibilità ci sono in futuro che i Parlamentari votino di nuovo una norma che prevede la loro riduzione?

Mi immagino già la scena: "Signor Presidente, Onorevoli colleghi, perché mai dovremmo avvilire la Nostra Repubblica Democratica diminuendo il numero dei rappresentanti eletti dal Popolo Sovrano, visto che è il Popolo stesso che nel Referendum del 4 dicembre 2016 si è chiaramente espresso dicendo che i 975 Parlamentari sono necessari e non vanno diminuiti?".

O credi davvero che le cose andranno diversamente?

 

Angelo Capelli

#insiemeSIcambia

 

 

BEATRICE LORENZIN A MILANO IL 17 NOVEMBRE 2016 - IL PROGRAMMA
15 Novembre 2016

Ti aspetto.

BEATRICE LORENZIN A MILANO IL 17 NOVEMBRE 2016 - INVITO PERSONALE
04 Novembre 2016

BEATRICE LORENZIN A MILANO IL 17 NOVEMBRE 2016

- INVITO PERSONALE -

Egr. dottore,

gentile dott.ssa,

     il ministro Beatrice Lorenzin sarà a Milano giovedì 17 novembre e ha il piacere di averLa suo gradito ospite al convegno in programma nella sala Leonardo, alle ore 15.30, alla Fondazione Stelline, dal titolo “Sanità Sì Cambia. Perché?”. Vuole condividere con amici e collaboratori più vicini le ragioni per le quali da Ministro della Salute è consapevole della centralità dello snodo rappresentato dal referendum del 4 dicembre. Ed intende illustrare i motivi per cui è convinta che votare Sì costituisce un’opportunità unica, concreta e reale per chi lavora nel settore e per tutti i cittadini.

    Con lei ci saranno un docente universitario di Diritto Costituzionale e Luciano Frattini, presidente di Officina Sanità Italia - Idee per chi vuole costruire una sanità universale, efficace e sostenibile”.

      Le chiedo di estendere l’invito ad amici e collaboratori per non fare mancare al Ministro l’appoggio della Sua adesione. Mi riservo di contattarla personalmente o tramite la mia Segreteria per un cortese riscontro.

      Cordialmente.

                                                                       Angelo Capelli

 

Per conferma contattare: mob. +39.348.5515333; tel. 02.67486245; info@angelocapelli.com

PROSEGUE IL MIO TOUR PROVINCIALE PER SPIEGARE LE RAGIONI DEL SÌ. QUESTA SETTIMANA SONO A BOLTIERE, PEDRENGO E CALCINATE
02 Novembre 2016

Carissimo,

l’incontro di Costa Volpino del 28 ottobre è stato importante perché mi ha confermato un’impressione che sta diventando sempre più una convinzione: la nostra gente ha bisogno di ascoltare le ragioni autentiche e i vantaggi per cui si vuole il cambiamento. Ma anche essere sostenuta nel coraggio di guardare avanti, anziché restare immobili e rimpiangere il passato (che non torna) per non farsi toccare dalle rapide trasformazioni. Cosa succede però a chi sta fermo e non decide è sotto i nostri occhi. Viene travolto.

Oggi ho registrato ad Antenna 2 TV canale 88 per la trasmissione #Decoder un confronto con Mauro Magistrati, presidente Anpi provincia di Bergamo, che va in va in onda questa sera alle 20.30, con replica domani alle 14 e venerdì alle 23.15.

Questa sera alle 21 sarò a Boltiere, nell’auditorium del centro civico “Aldo Moro”, in piazza del Comune. In contraddittorio con Stefano Bruno Galli, capogruppo Maroni Presidente Regione Lombardia e docente di Dottrine Politiche Università degli Studi di Milano. L’incontro/dibattito sul referendum costituzionale è organizzato dalla Lista Civica “Osvaldo Palazzini per Boltiere”. A moderare ci sarà Osvaldo Palazzi. Se sei in zona vieni.

Domani sera 3 novembre, alle 20.30, sarò nella sala consiliare di Pedrengo, in piazza Elena Frizzoni 1. Discuterò con Dario Violi (Movimento 5 Stelle) nel corso di un’assemblea pubblica patrocinata al Comune di Pedrengo dal titolo “Referendum costituzionale! Quali le ragioni per votare SÌ! Quali le ragioni per votare NO!”. A moderare l’incontro ci sarà Laura Arrighetti de L’Eco di Bergamo.

Quindi venerdì 4 novembre alle 21 nel centro culturale “don Sergio Colombo” , in piazza San Rocco, a Calcinate in compagnia dell’on. Giovanni Sanga (Partito Democratico) mi confronterò col coordinatore provinciale di Forza Italia Paolo Franco e con l’on. Christian Invernizzi (Lega Nord) nell’ambito dell’iniziativa promossa dal Comune di Calcinate, in collaborazione con la Biblioteca, dal titolo “Per una sana e robusta…Costituzione” incontri di approfondimento in vista del referendum. A moderare l’incontro sarà l’assessore Paolo Bruno Chizzoli.

Te lo ripeto: è importante favorire un clima di reale comprensione e di dialogo per prepararci a ragionare su realtà problemi e prospettive di una Riforma che può favorire un positivo rinnovamento politico e sociale, e che tuttavia deve essere accompagnato da consapevolezza e lavoro, per sviluppare i numerosi pregi e smussare i difetti.

Segui le novità sulla pagina https://www.facebook.com/Angelo-Capelli-438461276339417/notifications/#!/angelo.capelli.370 )

 

 Angelo Capelli

 

Pagina Precedente
|
Prossima Pagina
Angelo Capelli
Links
Contatti
© 2017 Angelo Capelli. Tutti i diritti riservati
Powered by 05 Informatica Snc & Designed by 2Caffè